Smart Agriculture

Produrre di più con meno

Un’oculata coltivazione può aiutare gli agricoltori a produrre di più con meno, ottenendo importanti vantaggi nell’allevamento del bestiame.

Abbiamo testato la soluzione prendendo in considerazione l’area dei latticini nella parte più a sud dell’Italia, in Sicilia implementando la tecnologia che secondo le nostre previsioni può aiutare gli agricoltori a risparmiare una media di 1.000 euro all’anno per ogni capo di bestiame.

 

Il framework in fase di sviluppo congiuntamente al supporto tecnico del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Università di Catania, poggia le sue basi su sensori IOT indossati dalle mucche ed una infrastruttura di rete con dispositivi a bassi consumi e prestazioni di calcolo limitate su protocollo IPV6 IEEE 802.15.4, Network Infrastructure comunemente nota come 6LOWPAN.

 

Ciascuna mucca indossa un collare intelligente con sensore ad infrarossi ed un giroscopio a 6 assi, il GPS è opzionale se gli animali devono pascolare invece di essere nutriti in stalle.

 

I collari vengono utilizzati per rilevare i movimenti e facoltativamente le posizioni, i dati vengono memorizzati nel Cloud ed unitamente ad un modello matematico siamo in grado:

  • aumentare la produzione di latte
  • ridurre il costo del lavoro
  • prevenire le malattie
  • migliorare la salute della mandria
  • ottimizzare l’allevamento
  • migliorare la velocità di riproduzione
  • ottimizzare l’alimentazione

 

 

Gli allevatori possono utilizzare il proprio smartphone, tablet o occhiali “smart” per monitorare lo stato degli animali, verificarne l’alimentazione o predisporre l’esecuzione di un comando.  Tramite il nostro “cockpit”  – Cow Operation Center –  sarà possibile a colpo d’occhio monitorare lo “stato della mucca”:

 

  • Verde: Ottimo stato di salute
  • Giallo: pronta per la fecondazione
  • Arancio: partoriente
  • Viola: sospetta malattia
  • Blu: soggetta a farmaci e cura veterinaria
  • Rosso: elevata temperatura corporea o qualsiasi altro allarme

 

I nostri studi e progetti si fondono al tema della Precision Agriculture, secondo recenti studi la produzione alimentare dovrà aumentare del 60% (almeno) nei prossimi 35 anni per fornire sicurezza alimentare ai 9 miliardi di persone che si prevede vivano sul pianeta (ONU, Obiettivi globali), un’agricoltura che mira ad ottimizzare la gestione dei campi in materia di:

• scienza delle colture, suggerendo alle pratiche agricole le necessarie esigenze di coltura (es. inserimento di fertilizzanti)
• protezione ambientale, riducendo i rischi ambientali ad esempio limitando la lisciviazione di azoto
• economia, aumentando la competitività attraverso modelli più efficienti ad esempio una migliore gestione dell’uso di fertilizzanti

 

Precision Agriculture offre agli agricoltori una vasta gamma di informazioni per:

 

  • costruire un registro di eventi
  • migliorare il processo decisionale
  • favorire una maggiore tracciabilità
  • migliorare la commercializzazione dei prodotti agricoli
  • migliorare gli accordi di locazione e le relazioni con i proprietari
  • migliorare la qualità intrinseca dei prodotti

RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO SU MISURA

 

 

 
cisco
netapp
huawei
vmware
veeam
fortinet
hp
fujitsu
dell
microsoft